La copertina di "Femminismo e Neoliberalismo" a cura di T. Dini e S. Tarantino, con illustrazioni di G. D'Anna Lupo

Continua la collaborazione con l’Università di Salerno con il volume “Femminismo e Neoliberalismo”

di natan edizioni, giugno 2014

Continua e si consolida la collaborazione di Natan Edizioni con i Dipartimenti di Scienze Politiche ed Economia dell’Università di Salerno. Abbiamo appena pubblicato Femminismo e Neoliberalismo. Libertà femminile versus imprenditoria di sé e precarietà a cura di Tristana Dini e Stefania Tarantino. Una riflessione sulla “libertà femminile” alla prova della governamentalità liberale.

Le illustrazioni in copertina e all’interno del volume sono di Giulia D’Anna Lupo.

 

In epoca di “femminilizzazione del lavoro” e di piena razionalità neoliberale – economica e di governo – che ne è della soggettività femminile messa al lavoro produttivo ma deprivata del senso della propria esperienza in quanto inscritta in un tempo e in un lavoro frantumato, molteplice, disperso? Nel passaggio dal liberismo al neoliberismo è stato sostituito il piano oggettivo del mercato e dell’economia con il piano soggettivo, si è passati da un registro di scambi e di strutture alla dimensione soggettiva dell’ “imprenditoria di sé”. Quale ruolo assumono le donne in questo quadro? Il femminismo rappresenta ancora un punto di critica radicale a questo “sistema”? Quale futuro attende la “libertà femminile” messa alla prova dalla governamentalità neoliberale? domande, articolate e complesse, cui i contributi del volume cercano di rispondere.

 

Tristana Dini collabora con la cattedra di Filosofia Morale dell’Università Federico II di Napoli. Dottoressa di ricerca in Metodologie della filosofia (Università di Messina) e Filosofia teoretica e politica (Istituto italiano di Scienze Umane Napoli) ha studiato a Napoli, Messina, Bochum, Berlino, Trento. Si occupa di filosofia classica tedesca e di filosofia politica contemporanea con particolare riferimento al concetto di biopolitica e alle teorie femministe.

Stefania Tarantino è assegnista di ricerca presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” e collabora con la cattedra di Storia della Filosofia dell’Università Federico II di Napoli. Ha conseguito due dottorati di ricerca in Filosofia, il primo all’Università di Ginevra (Svizzera) e il secondo presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane (SUM). La sua ricerca è incentrata prevalentemente sulle filosofe del XX secolo e sulla problematizzazione della differenza sessuale

Apri l’Hango